Terra Insubre -  Insubria torna all'home page

Insubria è l'antico nome della nostra Terra. Una Terra delimitata a Est dall'Adda, a Ovest dalla Sesia e dal Ticino, a Sud dal Po e a Nord dalle Alpi, e che dunque si estende nelle province di Varese, Como, Pavia, Lecco, Lodi, Milano, Novara e del Verbano Cusio Ossola, oltre che nel Cantone Ticino e nelle vallate lombarde del Cantone Grigioni.


Insubria è stato un nome di uso molto comune fino al XIX secolo d.C., come si può verificare sui testi e sulle carte geografiche dell'epoca. Anche se questo termine per un certo periodo è caduto in disuso, esso di fatto non è però mai del tutto scomparso e oggi, grazie all'azione di chi nell'Insubria si riconosce, sta anzi tornando a esserci sempre più familiare.

Utilizzare questo nome per un'associazione che si prefigge come finalità la rivalutazione, la riscoperta della storia e delle tradizioni e la valorizzazione di tutto quello che riguarda da vicino il nostro ambiente di vita era dunque d'obbligo. L'Insubria è ricca di testimonianze storiche del periodo della dominazione Celtica, un periodo che inizia circa nel XII secolo a.C., con la Cultura di Golasecca, e passa per il VI secolo a.C., quello in cui secondo lo storico romano Tito Livio viene fondata Milano, per concludersi con l'invasione romana del III secolo a.C.

Successivamente, con la conquista romana dell'Insubria e dell'intera Gallia Ciaslpina, le popolazioni della zona non vengono completamente assimilate ma continuano a vivere alla loro maniera pur avvicinandosi alla cultura Latina. Pagano le tasse ai nuovi conquistatori, forniscono prodotti e truppe alle legioni Romane e si adattano alla nuova cultura dominante pur mantenendo le proprie tradizioni. Come durante l'età del ferro la Gallia Cisalpina era stata un punto di incontro tra le civiltà antiche: la greca, l'etrusca, la latina e la celtica, l'Insubria diventa un punto di incontro fra la civiltà romana, la celtica e la germanica nel periodo Imperiale, quando Mediolanum diviene capitale dell'Impero.

Sotto la dominazione romana gli Insubri, il popolo che si era opposto a Roma con maggior determinazione nel periodo repubblicano, diventano dunque un popolo alleato, ma non perdono la propria identità. Ciò anche per merito della politica imperiale, che tendeva a mantenere vive le qualità intrinseche dei singoli popoli assoggettati.

Dopo la caduta dell'impero romano e il successivo periodo di forte instabilità, l'Insubria diventa parte integrante del regno Longobardo, che delle città insubri di Pavia e Monza farà il centro del suo potere. La presenza di questo popolo germanico e la sua graduale fusione con le popolazioni autoctone lascerà un segno profondo e tuttora ben percepibile nel modo di essere e di pensare della gente insubre.

Il successivo periodo storico, a partire dal XI secolo d.C., da un lato vedrà fiorire la civiltà comunale e la sua voglia di libertà e di indipendenza, ma dall'altro porterà gravi divisioni per la terra d'Insubria a causa dell'appartenenza delle sue città alla fazione filoimperiale o a quella filopapale.

Concluso il periodo comunale il territorio Insubre sarà il nucleo fondante della Signoria milanese e del successivo Ducato di Milano, la cui bandiera è tuttora riconosciuta come l'unica e la più autentica bandiera d'Insubria. Il Ducato di Milano perderà gradualmente la sua indipendenza nella prima parte del XVI secolo d.C., ma resterà sostanzialmente un'entità autonoma prima sotto la poco felice dominazione spagnola e poi, dall'inizio del XVIII secolo d.C., sotto la ben più efficiente dominazione austriaca.

Ecco perché, come eredi di questa storia millenaria, ci siamo sentiti in dovere di utilizzare questo nome così antico e importante. Un nome che ci consente anche di avere un filo comune con l'Europa, che di Insubri non ha conosciuto solo i nostri antenati ma anche quelli che, secondo il già citato Tito Livio, abitavano un cantone degli Edui nella Gallia Transalpina del VII secolo a.C.

-------------
| Chi siamo | Insubria | Sedi Territoriali | Eventi&News | Pubblicazioni |
| I Simboli | Compra Insubre | Iscriviti | La Rivista | Archivio | Link | Convenzioni |
Terra Orobica | Contatti |

Cookie policy